Artichoke, un fiore di luce elegante e democratico


Artichoke, disegnata da Poul Henningsen per Louis Poulsen nel 1958

Artichoke o Kogelen diventa una lampada iconica fin dall’anno della sua creazione (1958), con un ruolo da protagonista nella lunga storia della luce. Con le sue settantadue lamelle d’acciaio, rame o vetro che ricordano una grande camelia capovolta, avrebbe influenzato generazioni di designer e architetti – ancora oggi molti progettisti le sono debitori, sia in termini estetici sia funzionali. La perfetta riflessione della luce è sempre stata ricercata da Poul Henningsen (1894-1967) per gli affascinanti effetti di ombra e penombra sul soffitto e sulle pareti. Ad abbagliamento zero, con una luce diretta e direzionata solo dove serve, un’illuminazione che si diffonde nello spazio, senza perdere nessun raggio, ogni traccia luminosa trova una sua direzione. Cinquantacinque anni di presenza costante e un po’ romantica: come i coetanei Taccia (A. e P.G. Castiglioni, Flos,1962) o Lounge Chair (Charles & Ray Eames, Vitra,1956), anche questa lampada porta con sé suggestioni di benessere ed eleganza.

[cml_media_alt id='688']montaggio lampada[/cml_media_alt]
Artichoke, montaggio lampada

[cml_media_alt id='689']Artichoke, montaggio lampada[/cml_media_alt]
Artichoke, montaggio lampada

 

Precedente Gerd Pfarrè: la longevità estetica e tecnica è cruciale
Prossimo Joe Colombo